NOVITÀ

Cos’è il trattamento PRP e a cosa serve?

02 ago 2018, Scritto da Tommaso Battistella in Novità
PRP per capelli

Il PRP fa parte degli interventi di medicina rigenerativa ed è un esempio della continua innovazione della chirurgia estetica.

Il nome PRP è l’acronimo di “Plasma Ricco di Piastrine”; il plasma utilizzato è quello del paziente stesso, derivato dal proprio sangue.

Prima di spiegare come funzioni il trattamento PRP e in quali zone del corpo venga effettuato, devo accennare brevemente alle proprietà delle piastrine.

 

Proprietà delle piastrine

Le piastrine sono cellule presenti nel sangue e sono note perché intervengono nel processo della coagulazione quando ci si ferisce.

Le piastrine sono importanti perchè contengono i fattori di crescita che servono ad attivare le cellule staminali.

Le piastrine, quindi, svolgono un ruolo importantissimo nei processi rigenerativi.

Per questo, le piastrine vengono utilizzate nelle metodiche di medicina rigenerativa.

 

Come funziona il PRP?

Per ottenere il PRP, si preleva un po’ di sangue (in media circa 5 ml, ma dipende dal tipo di trattamento).

La centrifugazione, successiva, separa le piastrine dalle cellule non importanti, che vengono eliminate.  Ottenuto quindi il PRP, si procede iniettandolo nell’area da trattare.

L’iniezione è, generalmente, del tutto indolore.

Il PRP è un procedimento sicuro, perchè è derivato dal paziente e non ha rischi di reazioni allergiche, è semplice e rapido.

Inoltre, trattandosi di iniezioni non è prevista alcuna degenza e non sono necessari dei tempi di recupero.

 

Risultati del PRP

Il PRP comporta un graduale rilascio di fattori di crescita e questo rende progressivi i risultati; già dopo una settimana diventano apprezzabili, ma si riscontrano completamente dopo circa 20-30 giorni.

Il numero delle sedute da effettuare dipende dall’area di interesse e dalle condizioni della cute pre-trattamento. Per un’indicazione precisa a riguardo, è necessaria una visita clinica.

Dopo un primo protocollo di “impatto”, di solito si procede con sedute di mantenimento utili a rallentare i processi di invecchiamento cellulare.

 

Dove viene applicato il PRP?

Le iniezioni di PRP aumentano luminosità, tono ed elasticità della pelle. I distretti possibili sono:

     – viso

     – collo e décolleté

     – mani

     – cuoio capelluto

 

PRP per la calvizie: efficacia e risultati

Il trattamento con PRP nel cuoio capelluto è sicuramente un’opzione molto efficace. Esiste però un’indicazione specifica: è una terapia con effetto anti-infiammatorio.

Trova senso assoluto, in acuto, dopo il trapianto di capelli, oppure a seguito di effluvi infiammatori (caduta dei capelli da shock o da patologie infiammatorie).

In questi casi la terapia ha effetto immediato, interrompe la caduta e stimola la rigenerazione dei nuovi capelli.

Nei casi di effluvi cronici invece, è molto sensato iniziare una terapia topica o sistemica che prepari i follicoli alla successiva stimolazione con PRP. In questo modo i risultati saranno di gran lunga  ottimizzati sia per qualità che per durata.

Se vuoi qualche informazione aggiuntiva puoi contattarmi via mail a info@tommasobattistella.com o tramite messenger sulla mia pagina facebook.

Lavoro a Paese e a Monastier di Treviso, a Pordenone e a Verona.